Se pensi di visitare la bellissima cittadina di Gaeta, la Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta è una tappa da fare assolutamente! Ovviamente solo dopo aver visto la Cattedrale di San Francesco. 

Costruita nel X-XI secolo su di una pre-esistente chiesa del VII secolo, questa cattedrale è dedicata a Santa Maria del Parco, infatti è anche conosciuta semplicemente come la Cattedrale di Santa Maria Assunta.

La meravigliosa facciata neogotica del 1903 si affaccia sulla via del Duomo e la cuspide centrale termina con una statua dell’Immacolata.

 La facciata della Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta

La facciata della Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta

La storia della Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta

Dopo il terremoto del 1231, la Cattedrale è stata ricostruita in sette navate e successivamente restaurata in stile neoclassico da Pietro Paolo Ferrara.

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, la Cattedrale è parzialmente restaurata e i lavori terminano nel 1950. Infine, rimane chiusa recentemente per restauro della struttura, riaprendo al culto nel 2014, con l'obiettivo di mettere in risalto l’arredo liturgico e le decorazioni medievali.

Due gli eventi straordinari, degni di nota:

  • Il 17 ottobre 1962 si ferma in preghiera in cattedrale il cardinale Giovan Battista Montini, futuro Papa Paolo VI (1963-1978).
  • Il 25 giugno 1989, Papa San Giovanni Paolo II (1978-2005) visita la cattedrale e parte della diocesi, dichiarando Gaeta “città di Maria, città dell’Immacolata”.

Ma andiamo a scoprire ora cosa bisogna assolutamente vedere nella Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta.

Interno della Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta

Interno della Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta

Il campanile

Tra il 1148 e il 1279 viene costruita la straordinaria torre campanaria che mostra numerose contaminazioni artistiche occidentali con elementi islamici. Si trova nei pressi del mare, precisamente dietro la chiesa, dove c'era l'entrata della prima chiesa.

Si tratta di un vero e proprio gioiello della Cattedrale, disegnato da Nicolò d'Angelo, marmorario romano della famiglia dei Vassalletto.

Il campanile è alto 57 metri ed è in stile arabo-normanno. La base quadrangolare è composta da numerosi blocchi di monumenti romani e medievali, soprattutto dal mausoleo di Lucio Sempronio Atratino. Interessante notare che vicino al nome appare l’indicazione “romanus”, utilizzato dagli artisti per firmare le loro opere.

All'interno della strombatura ci sono dei sarcofagi di epoca romana e due bassorilievi marmorei raffiguranti la storia di Giona e del mostro. Il Campanile di Gaeta e quello di Amalfi possiedono numerose caratteristiche comuni e sono entrambi un valido esempio di arte medievale dell’Italia centromeridionale.

Inoltre, questo campanile è uno dei pochi che è caratterizzato da un elemento ottagonale e quattro piccole torri cilindriche coperte da cupole, il tutto decorato con scodelle in terracotta smaltata.

 Il Campanile della Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta

Il Campanile della Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta

La cripta

La cattedrale si ingrandisce nel 1620 con la costruzione di una straordinaria cripta per riporvi le reliquie dei Santi Erasmo, Marciano, Probo, Casto, Secondino ed Eupuria.

La seicentesca cripta è realizzata su disegno degli architetti napoletani Lazzari, con le pareti rivestite di marmi policromi e le volte decorate con stucchi e affreschi di Giacinto Brandi del Seicento.

Elementi unici sono il paliotto dell’altare e la balaustra, caratterizzati da una grande varietà di marmi policromi e pietre preziose per la rappresentazione di diverse decorazioni. Chiude la cripta un meraviglioso cancello in bronzo con le effigi della città del 1692.

La cripta della Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta

La cripta della Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta

Un altro elemento che vale la pena citare è il candeliere pasquale di Gaeta, alto ben 3,50 metri. Una sorta di colonna onoraria, divisa in quarantotto formelle: metà raccontano le “gesta Christi” e metà la “passio” di S. Erasmo.

Dopo aver ammirato questa bellissima Cattedrale e aver visitato la città di Gaeta, non puoi perderti le 7 spiagge di Gaeta e dintorni!

Info utili

Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano e di Santa Maria Assunta
Via Duomo, 24, 04024 Gaeta LT
Telefono: 0771 462255

ORARI
Aperto tutti i giorni (Lun-Dom)
Mattina: dalle 10.00 alle 12.30 
Pomeriggio: dalle 17:00 alle 19:00
Vota il contenuto: 
Media: 5 (1 voto)