L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale ha pubblicato i dati, merci e passeggeri, del primo quadrimestre 2018. Di seguito il comunicato stampa.

CIVITAVECCHIA, 13 giugno – Inizio di anno incoraggiante per il porto di Civitavecchia e il suo Network che parte con il segno più in quasi tutti i settori merceologici, soprattutto per quanto riguarda i passeggeri e le merci.

L’’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale fa sapere che nei primi 4 mesi del 2018 la crescita ha riguardato tutte le categorie merceologiche del porto di Civitavecchia. Nello specifico, nello scalo locale, il traffico complessivo risulta pari a circa 3,6 milioni di tonnellate, con un incremento del 3,7% e 128.400 tonnellate in più movimentate rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. A fronte di una contrazione del 4,5% del traffico di prodotti raffinati, si è riscontrata un decisa ripresa di tutte le altre tipologie di rinfuse solide (prodotti metallurgici, minerali di ferro +40%, minerali grezzi, cementi e calci +110%, prodotti chimici +35%, altre rinfuse solide +4,4%) con il solo calo del 3,9% del carbone (-54.000 tonnellate). Cresce di oltre l’8% anche la categoria “merci varie in colli”, con i contenitori che registrano un aumento del 13,5% (+36.500 tonnellate) e le merci Ro/Ro dell’8,2% (+112.000 tonnellate). 

Un’analisi più approfondita, fa emergere come, nel I quadrimestre 2018, le “merci varie in colli”, con 1,8 milioni di tonnellate movimentate,  si affermino quale principale segmento merceologico, a fronte di circa 1,6 milioni di tonnellate di rinfuse solide e 173.000 rinfuse liquide. Continua, quindi, la progressiva affermazione di quelle tipologie  di traffico a basso impatto ambientale.

In crescita anche il numero dei contenitori T.E.U. che, con circa 36.000 contenitori movimentati nei primi quattro mesi dell’anno, registra un incremento pari al 5,7%.

Molto positivi i dati del porto di Civitavecchia  sia per il traffico dei passeggeri di linea +7,9%, con un incremento rispetto al 2017 di oltre 19.000 pax, sia per quello crocieristico che, come da previsione, cresce del 18,2% (+65.000 crocieristi). Nell’anno in corso, i passeggeri di linea risultano pari a 260.000 unità, mentre i crocieristi sono circa 422.000 rispetto al I quadrimestre del 2017.   

Per gli altri due porti del Network, i dati del I quadrimestre risultano altalenanti. Infatti si registra un leggero calo del 2,9%, del traffico nel porto di Fiumicino con quasi 1 milione di tonnellate di prodotti raffinati movimentati, mentre  nel porto di Gaeta  si registra una diminuzione più notevole dei traffici, quasi -26%, dovuta alla contrazione delle rinfuse liquide (prodotti raffinati) da attribuire esclusivamente all’inattività del terminale petrolifero sottoposto, nei primi mesi dell’anno, a lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria. Di contro, però, con oltre 163.000 tonnellate movimentate, si evidenzia una sensibile crescita delle rinfuse solide (+18,7%, +26.000 tonnellate), in particolar modo della sottocategoria “fertilizzanti” che fa registrare un incremento del 244% (+18.000 tonnellate).

Nel complesso, il Network dei porti di Roma e del Lazio, nel primo quadrimestre del 2018, ha fatto registrare un traffico complessivo di oltre 5 milioni di tonnellate.

Vota il contenuto: 
Il contenuto non è stato ancora votato da nessuno

condivisioni