Si sblocca l’iter burocratico per attivare, anche presso i porti di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta, le Zone Logistiche Semplificate (ZLS). Si tratta di un primo passo importante considerando soprattutto il forte impatto in termini di export, investimenti e traffico portuale che le ZLS possono regalare all’economia e al territorio.

Ne avevamo parlato anche in questo articolo: “Internazionalizzazione, logistica e turismo per la crescita del porto” in cui, dati alla mano, risultano evidenti i vantaggi di questa istituzione nata all’interno della legge di Bilancio 2018 e a seguito del Decreto legge 91/2017 che ha permesso l’istituzione delle Zone Economiche Speciali per i porti del Mezzogiorno. Di contro e consrguenza, le ZLS sono progetti attuabili solo da porti del Centro-Nord.

Ecco il comunicato dell’AdSP e le dichiarazioni rilasciate dal Presidente Francesco Maria di Majo.

Le Zone Logistiche Semplificate nasceranno anche nei Porti di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta. Vantaggi in termini di export, investimenti e traffico per i territori interessati

Le Zone Logistiche Semplificate nasceranno anche nei Porti di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta. Vantaggi in termini di export, investimenti e traffico per i territori interessati

Civitavecchia, 30 ottobre 2018 – Il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Francesco Maria di Majo esprime vivo apprezzamento per l’approvazione, questa mattina, da parte della Regione Lazio della delibera che ha dato l’avvio all’iter amministrativo per l’istituzione della Zona Logistica Semplificata (ZLS) relativamente alle aree portuali e retroportuali di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta e la cui struttura di governance (Comitato di indirizzo)  sarà presieduta dal Presidente dell’Autorità dell’AdSP del Tirreno Centro Settentrionale.

Finalmente – sottolinea di Majo –  può avere formalmente inizio l’iter per la realizzazione di una ZLS laziale che riguarderà i tre porti dell’AdSP (Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta) e le loro aree retroportuali e che rappresenta uno dei più importanti strumenti normativi per l’attrazione di nuovi investimenti a favore dei porti e del loro territorio”. “Con l’adozione della delibera regionale – precisa il presidente dell’AdSP - si è anche dato un concreto riscontro al lavoro avviato, da questa Autorità di Sistema Portuale, nel marzo 2018, nell’ambito dell’organismo di Partenariato della Risorsa Mare (che fa parte di questa AdSP) con la costituzione di un gruppo di lavoro avente il compito di approfondire i contenuti e i settori di attività della futura ZLS in vista di una  proposta  da presentare alla Regione Lazio”.

Secondo diverse analisi economiche  – prosegue il numero uno di Molo Vespucci - l’aspetto della semplificazione amministrativa si è dimostrato essere uno dei fattori più importanti nell’indirizzare le imprese nei  propri investimenti. La scelta della Regione Lazio di avviare tale iter testimonia la grande attenzione per lo sviluppo dell’intera filiera portuale e logistica che trarrà, senz’altro, considerevoli benefici dall’implementazione delle Zone Logistiche Semplificate. Il ruolo dell’AdSP nel Gruppo di lavoro sarà di estrema utilità per individuare quali misure concrete di semplificazione amministrativa saranno necessarie per sviluppare la logistica legata alle attività portuali”. “A tal fine, - precisa di Majo -  l’AdSP si metterà a disposizione per lavorare in sinergia con la Regione per la stesura del Piano di Sviluppo Strategico (alla base dell’istituzione della ZLS), prendendo anche spunto dalle interessanti proposte che sono emerse nel Piano di Sviluppo Strategico per la realizzazione della Zona Economico Speciale (ZES) redatto dalla Regione Puglia, con il supporto dell’AdSP del Mare Adriatico Meridionale (con la quale l’AdSP del Lazio ha sottoscritto due mesi fa un accordo di collaborazione proprio su queste tematiche)”. “Ringrazio, quindi, - conclude il Presidente dell’AdSP del Mar Tirreno Centro Settentrionale - il Presidente Zingaretti, l’Assessore ai Lavori Pubblici, Tutela del Territorio e Mobilità, Mauro Alessandri e l’Assessore allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Gian Paolo Manzella e tutta la Giunta regionale che, oggi,  hanno voluto dare un chiaro segnale di interesse sul tema con l’obiettivo di contribuire al rilancio della competitività, della crescita economica e all’incremento del livello occupazionale dell’intero cluster portuale e logistico laziale”.

Vota il contenuto: 
Il contenuto non è stato ancora votato da nessuno

condivisioni