Racchiusa tra il Pantheon e Piazza Navona, nel centro di Roma, si trova la piccola Chiesa di San Luigi dei Francesi, un vero e proprio gioiello d'arte barocca famosa per ospitare importanti opere d'arte tra cui 3 capolavori assoluti di Caravaggio.

La chiesa, che dal 1589 è luogo di culto nazionale dei francesi a Roma, è una tappa imperdibile per qualunque passeggiata che si rispetti tra le vie del centro storico di Roma.

Un tesoro nascosto che vi lascerà a bocca aperta...seguiteci ed entriamo insieme alla scoperta di questo gioiello!

Roma, Chiesa  di San Luigi dei Francesi: la facciata

Roma, Chiesa di San Luigi dei Francesi: la facciata

San Luigi dei Francesi: un po' di storia

La Chiesa di San Luigi dei Francesi viene costruita a partire dal 1518 per accogliere la sempre più numerosa comunità francese di Roma, che alla fine del XV secolo possedeva solo una piccola cappella ed un ospedale dedicato a San Ludovico nei pressi di Sant'Andrea della Valle.

Grazie alla spinta di Giulio dei Medici (poi Papa Clemente VII) iniziano così i lavori per una nuova chiesa, eseguiti da Domenico Fontana su progetto di Giacomo Della Porta, che si concluderanno l'8 ottobre 1589 con la consacrazione della Chiesa di San Luigi dei Francesi.

Roma, San Luigi dei Francesi: un tripudio d'arte barocca e decorazioni oro

Roma, San Luigi dei Francesi: un tripudio d'arte barocca e decorazioni oro

San Luigi dei Francesi: arte

Dal punto di vista artistico, la chiesa è un'esaltazione della Francia attraverso la rappresentazione dei suoi santi e dei suoi più grandi personaggi storici a partire dalla facciata che ospita le statue di Carlo Magno, San Luigi, Santa Clotilde e San Giovanni di Valois.

L'interno, suddiviso in tre navate con cinque cappelle per lato ed un ricco coro centrale decorato da marmi, è un vero e proprio tripudio d'arte barocca.

Nella seconda cappella della navata di destra si trova l'affresco Storie di santa Cecilia del Domenichino mentre sull'altare, una copia eseguita da Guido Reni della Santa Cecila di Raffaello.

Chiesa di San Luigi dei Francesi a Roma: statue e marmi

Chiesa di San Luigi dei Francesi a Roma: statue e marmi

Chiesa di San Luigi dei Francesi a Roma: interno

Chiesa di San Luigi dei Francesi a Roma: interno

La chiesa ospita anche diverse tombe illustri, tra cui la tomba di Pauline de Beaumont, fatta costruire dal suo amante, François-René de Chateaubriand e la tomba del cardinale François Joachin de Bernis, ambasciatore dei re Luigi XV e Luigi XVI.

Infine, sulla cantoria sopra la porta d'ingresso si trova il preziosissimo organo a canne, costruito da Joseph Merklin nel 1881 e dotato di tre manuali di 56 note e pedaliera di 30 note a trasmissione pneumatica Barker: un vero gioiello.

Caravaggio e la Cappella Contarelli

Un capitolo a parte lo merita la celebre Cappella Contarelli dove si trova il famoso trittico di Caravaggio composto da Il Martirio di San MatteoLa Vocazione di San Matteo e San Matteo e l'angelo.

Il nome della cappella si deve a quello del cardinale Mathieu Cointrel, poi italianizzato in Contarelli, che commissionò al Merisi, le tre pale d'altare incentrate sulla figura di San Matteo.

Non si può che rimanere affascinati dalla forza espressiva e dalla bellezza di queste opere, che rappresentano un importante punto di svolta nello stile del grande artista.

Il Martirio di San Matteo è la prima tela realizzata dal Caravaggio per la cappella. Rispetto alle altre la composizione risulta più sovraffollata con un groviglio di corpi che rimanda al manierismo mentre i nudi sono di chiara derivazione michelangiolesca.

Nella scena il Santo è sopraffatto da un soldato etiope mandato da re Hirtacus per impedirgli di proseguire la sua opera di proselitismo mentre un angelo si sporge da una nuvola per porgergli la palma, simbolo di martirio.

La folla intorno assiste inorridita e tra le persone si scorge un uomo con barba e baffi che potrebbe essere lo stesso Caravaggio.

Da segnalare che l'intera scena è avvolta dal buio: da questo momento Caravaggio userà sempre il fondo scuro per le sue opere.

Caravaggio - Il Martirio di San Matteo

Caravaggio - Il Martirio di San Matteo

Caravaggio - La vocazione di San Matteo

Caravaggio - La vocazione di San Matteo

Nella Vocazione di San Matteo, il motivo principale è rappresentato dal simbolismo del fascio di luce che proviene da una finestra nascosta. E' la luce che Dio che insieme alle figure di Gesù e San Pietro si rivolge verso San Matteo.

Al momento della chiamata di Gesù, Matteo era un gabelliere, un esattore delle tasse e l'incontro con Gesù lo porta ad abbandonare la sua vita per seguirlo. Caravaggio trasforma questo episodio in una scena dei suoi tempi con l’ambiente che somiglia ad una taverna della Roma di quegli anni.

La sua pittura acquista un carattere sempre più drammatico, fatta di luci e soprattutto ombre; un crudo realismo che ci ricorda che il sacro non ha una collocazione lontana nel tempo e nello spazio, ma è sempre presente in mezzo a noi.

San Matteo e l’angelo fu realizzato da Caravaggio in un secondo momento, ma la prima versione del dipinto viene rifiutata per l'eccessivo realismo.

San Matteo è rappresentato con l’aspetto di un popolano quasi analfabeta, al quale l’angelo deve dirigere la mano per aiutarlo a scrivere. Di quest'opera, andata perduta a Berlino durante la seconda guerra mondiale, restano solo copie fotografiche.

Nella seconda versione del dipinto, invece, Matteo è rappresentato sempre nell'atto di comporre il suo Vangelo con l'angelo che fornisce dei suggerimenti.

Caravaggio - San Matteo e l'angelo, versioni a confronto

Caravaggio - San Matteo e l'angelo, versioni a confronto

Il Santo ha i piedi nudi, quasi a raffigurare la triviale umanità dell’uomo che pure è in grado di essere strumento della Parola divina.

Va detto che, per ammirarle in tutto il loro splendore è necessario inserendo in un apposito bussolotto una moneta da 1 euro che accende l'illuminazione su tutta la cappella: un prezzo decisamente irrisorio per godere dello spettacolo unico di capolavori assoluti dell'arte!

Siamo più che sicuri che dopo averlo fatto vi verrà voglia di inserire più di una monetina!

Ti piace Caravaggio? Leggi anche l'itinerario: COME VEDERE CARAVAGGIO A ROMA GRATIS

Per maggiori informazioni su come raggiungere la Chiesa di San Luigi dei Francesi, sugli orari ed i contatti potete leggere il box in fondo alla pagina.

Info utili

Chiesa di San Luigi dei Francesi

Telefono: +39 06 688271
Fax: +39 06 68827228

COME ARRIVARE

Dal Porto di Civitavecchia: recatevi alla Stazione di Civitavecchia e salite sul primo treno in direzione Roma. Dopo circa un'ora di viaggio, scendete alla Stazione di Roma Termini ed uscendo dirigetevi verso Piazza dei Cinquecento dove si trovano gli autobus.

Vi consigliamo di prendere la linea 64 - P.ZA STAZIONE S. PIETRO  (FL) per 9 fermate. Scendete a C.SO VITTORIO EMANUELE/S. A. DELLA VALLE in Corso Vittorio Emanuele II. Svoltate sulla destra in Via della Cuccagna e dopo circa 350 metri a piedi siete arrivati in Piazza Navona. Da qui prendete la prima traversa sulla destra per arrivare in Piazza Madama e poi Via del Salvatore dove si trova l'ingresso della chiesa.

Da Roma: La Chiesa di San Luigi dei Francesi è poco distante da Piazza Navona che è ben collegata con gli autobus. Qui fermano le linee numero 46, 571, 492, 62, 628, 64 (per chi arriva da Stazione Termini), 70, 81, 87, 916 e C3. Per quanto riguarda le linee di bus notturni, potrete contare sul passaggio del numero n15, n20, n5, n6 e n7. Vi invitiamo a consultare gli orari di passaggio degli autobus notturni che non hanno un’alta frequenza.

*Per gli orari e le corse dei treni consultate il sito di Trenitalia.
*Per maggiori informazioni sugli orari degli autobus o sul percorso in base a dove vi trovate potete consultare il sito dell'ATAC.
ORARI

Tutti i giorni con orario: 10:00 - 12:30 | 15:00 - 19:00
Chiuso il giovedì pomeriggio

Orario Messe
Lun - ven: 19:30
Sabato: 12:30
Festivi: 10:30

Gli orari possono subire cambiamenti. Si suggerisce di verificare contattando la chiesa.

*Durante la celebrazione della Santa Messa non è possibile visitare la chiesa.

PREZZI

Ingresso gratuito

Vota il contenuto: 
5
Media: 5 (2 votes)

condivisioni