Vista dall'alto ricorda la forma di un cuore, sarà anche per questo che villa Borghese è il parco più amato dai romani? Facile da raggiungere con i mezzi pubblici, si trova in pieno centro tra Piazzale Flaminio, Porta Pinciana e il quartiere salario. Verde, arte e divertimento racchiusi in 80 ettari nel cuore di Roma: non perdetevi questa meraviglia!

UN PO' DI STORIA

Villa Borghese nasce a cavallo tra la fine del XVI e l'inizio del XVII secolo quando papa Paolo VI, eleggendo a cardinale il nipote Scipione, pose una condizione: costruire la più lussuosa e magnifica dimora aristocratica a Roma creando una "villa di delizie e il più vasto giardino romano". Nacque così villa Borghese:

L'uccelliera di Villa Borghese dove nel 1600 i visitatori potevano osservare rari e costosi uccelli

L'uccelliera di Villa Borghese dove nel 1600 i visitatori potevano osservare rari e costosi uccelli

"Villa di delizie e il più vasto giardino romano" Papa Paolo VI

 

I lavori furono portati avanti dagli architetti Flaminio Ponzio e Giovanni Vasanzio. Intervennero però anche artisti del calibro di Pietro e Gianlorenzo Bernini, Antonio Canova, Tiziano, Raffaello e il Caravaggio. La villa fu completata nel 1633.

A partire dal 1766 furono compiuti lavori di ristrutturazione nel "Casino nobile" (oggi sede della Galleria Borghese) e nel "Casino dei giuochi d'acqua" (attuale "Aranciera" e sede del Museo Carlo Bilotti). Nel parco fu costruito il bellissimo "Giardino del lago". 
Agli inizi del 1800 Camillo Borghese acquistò i terreni verso porta del Popolo e porta Pinciana ampliando ulteriormente i confini della villa. Durante tutto il secolo i giardini furono aperti per il passeggio festivo e vi erano ospitate feste popolari con canti e balli.
Dal 1901 il parco fu acquistato dallo Stato Italiano che in seguito lo cedette al Comune di Roma. Da allora villa Borghese è aperta al pubblico tutti i giorni. In precedenza i giardini erano aperti solo durante i giorni festivi e le feste popolari. 

Villa comunale Umberto I già Borghese, questo è il nome che lo stato italiano decise di dare al parco In memoria del re Umberto I, morto nel 1900. I romani però non hanno mai smesso di chiamarla villa Borghese.

COSA FARE A VILLA BORGHESE

Se avete un paio d'ore libere da impegni fatevi una passeggiata nel verde di villa Borghese visitando il romantico Giardino del lago o scoprendo le meraviglie artistiche presenti nella Galleria Borghese e nella Galleria d'arte moderna:

Il romantico giardino del lago

Il romantico giardino del lago

Nella Galleria Borghese è possibile trovare opere di Tiziano, Raffaello e Caravaggio

Nella Galleria Borghese è possibile trovare opere di Tiziano, Raffaello e Caravaggio

Se invece volete far divertire i vostri bambini portateli al Bioparco o alla Casina di Raffaello, una graziosa ludoteca per bambini dai 3 ai 10 anni: vi ringrazieranno per tutto il giorno.

Il portale d'ingresso del Bioparco a Villa Borghese, il giardino zoologico di Roma

Il portale d'ingresso del Bioparco a Villa Borghese, il giardino zoologico di Roma

Siete amanti della corsa? Dovete perdere i 2-3 chili di troppo? Correte tra gli 80 ettari del parco circondati da verde, alberi secolari e meravigliose fontane
Volete stupire il vostro partner con un pensiero romantico? Portateli al giardino del lago e poi in uno dei ristoranti o dei cinema presenti a villa borghese.

Non è possibile poi non stupirsi ammirando il patrimonio floreale e faunistico presente in tutta la villa. Insomma è davvero difficile riuscire a comunicare la vastità di offerta presente a villa Borghese. Noi ci proviamo presentandovi un elenco delle principali attrazioni presenti:

  1. gli edifici storici: il Casino del Graziano, il Casino Giustiniani, l’Uccelliera e la Meridiana con i meravigliosi giardini segreti;
  2. gli edifici neoclassici e ottocenteschi: il Casino dell’Orologio, la Fortezzuola, l’ampio Giardino del Lago famoso per il tempio di Esculapio raggiungibile in barca;
  3. le strutture per il tempo libero, il gioco, e la diffusione culturale: il Museo Canonica, casa-studio dall’artista Pietro Canonica, il Casino di Raffaello con una ludoteca per bimbi, la Casina delle Rose con la Casa del Cinema, il Bioparco meraviglioso giardino zoologico, l’Aranciera trasformata nel nuovo Museo Carlo Bilotti con opere di arte contemporanea, il Globe Theater un ampio padiglione teatrale a pianta circolare costruito sul modello dei teatri elisabettiani;
  4. un incredibile concentrazione di musei, sculture e monumenti, non è un caso che villa Borghese sia definitia "Il parco dei musei";
  5. fontane, alberi secolari, laghetti, giardini all'italiana e grandi spazi liberi;
  6. ogni primavera, all’interno del galoppatoio, si svolge il concorso ippico di Piazza di Siena con l’atteso rituale del Carosello dei Carabinieri.

Non perdetevi infine il meraviglioso giardino del Pincio che regala un panorama mozzafiato su Roma:

Il panorama dal giardino del Pincio

Il panorama dal giardino del Pincio

Info utili

Villa Borghese presenta 9 ingressi (distribuiti tra via Aldrovandi, via Raimondi, via Pinciana, piazzale San Paolo del Brasile, piazzale Flaminio, piazzale Cervantes) occupando una vasta area. 
Parcheggio: per chi arriva con la macchina consigliamo questo parcheggio, comodo e non eccessivamente costoso (2,20 euro all'ora, max 18 euro per un giorno)

COME ARRIVARE

Dal Porto di Civitavecchia dirigetevi verso la stazione ferroviaria e prendete il primo treno con destinazione Roma Termini.
Arrivati a Termini prendete la Linea A della metropolitana (si trova proprio sotto la stazione) e fermatevi a "Flaminio". A meno di 500 metri troverete uno degli ingressi di Villa Borghese.

Qui di seguito trovate un elenco di altri mezzi pubblici che raggiungono o attraversano Villa Borghese oltre alla linea A della metropolitana: linea elettrica 116 (percorso all'interno della Villa); bus 88, 490, 495, 160 (attraversano la Villa); bus 910, 52, 53, 628, 926, 223, 217 (strade adiacenti la Villa); tram 19, 3, 2; stazione F.S. - piazzale Flaminio (Roma- Viterbo).

ORARI

Il parco è sempre aperto dall'alba al tramonto

PREZZI

L'ingresso alla villa è libero, sono invece a pagamento le strutture e i musei all'interno

Vota il contenuto: 
5
Media: 4.6 (5 votes)

condivisioni