I FORI IMPERIALI

L’area dei Fori Imperiali rappresenta sicuramente una delle aree archeologiche e storiche più famose e contemporaneamente affascinanti di tutto il mondo. La passeggiata che parte dal Colosseo per finire a Piazza Venezia lascia spesso a bocca aperta ed emoziona anche il turista più esperto.

Ma cosa sono esattamente i Fori Imperiali? Si tratta di una serie di piazze monumentali costruite, principalmente dagli imperatori Cesare ed Augusto in meno di 2 secoli, nel cuore di Roma.

STORIA

Iniziamo con una chicca: originariamente la “valle del foro” era una palude!

Ci pensò infatti Cesare nel 46 a.C. a bonificare e cominciare ad utilizzare la zona (l’esproprio dei terreni sembra che gli costò oltre 60 milioni di sesterzi!!). Al foro di Cesare fecero seguito quello di Augusto, il foro della Pace fatto costruire da Vespasiano, il foro di Nerva ed infine lo spettacolare foro di Traiano, con il complesso dei mercati traianei.

Fori Imperiali, una storia lunga più di 2.000 anni

Fori Imperiali, una storia lunga più di 2.000 anni

COSA RIMANE DA VEDERE?

Cosa è possibile vedere oggi visitando i Fori Imperiali? Si tratta essenzialmente di resti, porzioni e frammenti che visti nel loro insieme riescono ancora a dare l’idea di grandezza e importanza che ha avuto per tanti secoli questa area.

Del Foro di Cesare restano attualmente alcune colonne ed il podio relativi al tempio di Venere, nonché porzioni dei colonnati e dei portici che delimitavano la piazza e numerosi frammenti architettonici sparsi in tutta l’area.
Del Foro di Augusto sono oggi apprezzabili i cospicui resti del tempio, con il suo splendido colonnato di ordine corinzio, l’intera esedra settentrionale e buona parte dell’esedra meridionale.
Il Foro della Pace è stato quasi interamente seppellito sotto la strada moderna: alcune parti sono visibili in corrispondenza della Basilica di Massenzio, della chiesa dei SS. Cosma e Damiano e nella Torre dei Conti, al termine di Via Cavour.
Il Foro di Nerva, costruito in realtà da Domiziano, è quasi interamente sepolto sotto via dei Fori Imperiali: sopravvive una piccola porzione delle fondamenta del tempio di Minerva.

 

Perdete 5 minuti per osservare, sul fusto della colonna, le due battaglie di Traiano condotte contro i Daci e narrate in bassorilievo: battaglie, scene di vita, esecuzioni... impressionante!

La Colonna Traiana

Ultimo e più grande dei fori di Roma, il Foro di Traiano del cui complesso fa parte la splendida Colonna Traiana, monumento funerario dell’imperatore, l’unico monumento perfettamente conservato.

Non è una perdita di tempo fermarsi 5 minuti per osservare, sul fusto della colonna, le due battaglie di Traiano condotte contro i Daci e narrate in un bassorilievo continuo con sviluppo elicoidale della lunghezza di 200 metri: battaglie, scene di vita al campo, esecuzioni, costruzioni di fortificazioni, tutto è riportato con una precisione ed un realismo davvero impressionante.

Affianco alla colonna Traiana l’architetto siriano Apollodoro di Damasco costruì i Mercati Traianei destinati al commercio al dettaglio.

Fu il fascismo a

Fu il fascismo a "tagliare" i Fori per le parate militari

FORI IMPERIALI OGGI

Tra il 1932 e il 1933 Mussolini con l’intento di realizzare un percorso rettilineo per le parate militari decise di “tagliare” in due il complesso realizzando la “Via dell’impero”, oggi per l’appunto Via dei Fori Imperiali. Non è un caso quindi che il 2 giugno di ogni anno si commemori su questa via la parata della festa della Repubblica.

La decisione di Mussolini è a tutt’oggi molto dibattuta. Al di là di tutte le critiche relative alla conservazione ed alla perdita di importanti beni culturali presenti nei Fori è innegabile la spettacolarità del suo percorso dal punto di vista di itinerario turistico. Più o meno consapevolmente il fascismo realizzò un percorso turistico senza paragoni.

Info utili

La via dei Fori Imperiali è aperta al pubblico e ad accesso libero. Passeggiando lungo il viale è possibile osservare, a sinistra e a destra, i monumenti e i resti storici. Sono invece a pagamento alcuni monumenti facenti parte del complesso del Foro Romano e Palatino

COME ARRIVARE

Organizza il tuo viaggio dal porto di Civitavecchia con il TRAVEL PLANNER o segui le nostre indicazioni:

Dal Porto di Civitavecchia dirigetevi verso la stazione ferroviaria e prendete il primo treno con destinazione Roma Termini.
Arrivati a Termini prendete la Linea B della metropolitana (si trova proprio sotto la stazione) e scendete alla fermata Colosseo.

ORARI

ORARI APERTURA FORO ROMANO E PALATINO: dalle 8.30 fino a 1 ora prima del tramonto. Chiuso il 1 gennaio, 1 maggio e 25 dicembre.

PREZZI

PREZZI FORO ROMANO E PALATINO: intero € 12,00 ridotto € 7,50 per i cittadini della Unione Europea tra i 18 e i 24 anni e per docenti dell'Unione Europea. Gratuito per i visitatori minori di anni 18.

Vota il contenuto: 
5
Media: 4.6 (5 votes)

condivisioni