Le Rovine di Ostia Antica sono un luogo senza tempo, affascinante e misterioso.

Per comprendere appieno la grandezza di Roma bisogna anche passare da qui e camminare tra i resti di quello che durante l'età imperiale fu un importantissimo centro commerciale e portuale. Grazie a questa città sorta alla foce del Tevere (Ostia deriva dal latino ostium, foce) avveniva un incessante e prezioso scambio fluviale con Roma.

Oggi le rovine di Ostia Antica si trovano a metà strada tra Roma e Fiumicino, poco distanti sia dall'Aeroporto Leonardo da Vinci sia da un altro sito archeologico di grande rilievo, la Necropoli di Porto, e sono facilmente raggiungibili da Roma e Civitavecchia.

Le Rovine di Ostia Antica

Le Rovine di Ostia Antica

L'area archeologica è davvero ben conservata e specialmente in primavera, passeggiare tra le rovine circondate da fiori e vegetazione è un'esperienza piacevole e rilassante. Un luogo ideale per tutte le famiglie con bambini piccoli al seguito, che qui potranno divertirsi e trascorrere una giornata all'aria aperta in tutta libertà e sicurezza!

Pertanto se amate la storia di Roma non potete assolutamente perdere una visita agli scavi di Ostia Antica. Curiosi di scoprire qualcosa in più? Seguiteci.

GLI SCAVI DI OSTIA ANTICA: UN PO' DI STORIA

Diverse leggende attribuiscono la fondazione di Ostia al quarto Re di Roma Anco Marzio, ma mentre questa tradizione non è ancora confermata da sufficienti prove archeologiche, è invece certo intorno al IV secolo a.C. la città fosse un accampamento militare, o meglio una cittadella fortificata, in latino castrum, come si può constatare tuttora osservando la disposizione urbanistica delle rovine.

Dopo il II secolo a.C., quando Roma aveva ormai raggiunto il predominio su tutto il Mediterraneo, la funzione militare di Ostia venne meno e la città diventò in poco tempo il porto fluviale della Capitale.

Nel periodo del suo massimo sviluppo raggiunse i 50.000 abitanti, ma intorno al III secolo d.C. una profonda crisi portò alla diminuzione dei traffici e dei commerci con il conseguente abbandono da parte della popolazione. Nel frattempo, l'imperatore Claudio aveva fatto costruire poco a nord, un altro sito portuale detto appunto Portus, che si affacciava direttamente sul mar Tirreno.

Dopo il IV secolo d.C. ci fu una ripresa economica della città, sia dal punto di vista economico sia da quello abitativo. Tutte le attività commerciali e amministrative si erano definitivamente spostate al Porto di Traiano, il nuovo porto che l'imperatore fece costruire in posizione ancora più arretrata rispetto al Porto di Claudio. Questo porto artificiale di forma esagonale serviva a garantire una maggiore protezione da tempeste e incursioni nemiche ed Ostia beneficiò dal punto di vista commerciale della sua vicinanza.

Ancora oggi possiamo ammirare tutto lo splendore raggiunto da questa città visitando le sua rovine, preziosa testimonianza della vita sociale e culturale dell'epoca. Seguiteci ancora e vi porteremo alla scoperta di questa antica città che godeva di ricchezza e prestigio!

Visitando le rovine di Ostia Antica

Visitando le rovine di Ostia Antica

L'AREA ARCHEOLOGICA E LE ATTRAZIONI PRINCIPALI

La visita agli scavi di Ostia Antica può iniziare percorrendo il Decumano Massimo, asse principale della città che collega Porta Romana a Porta Marina, per inoltrarci subito in una fitta rete di strade, piazze e quartieri che costituivano la struttura urbana.

Incontrerete edifici, cortili, magazzini, botteghe, terme e bagni che conservano ancora insegne e splendidi mosaici descrittivi.

L'area nord del Decumano con il Foro delle Corporazioni ed il Teatro costituisce un'eccezionale testimonianza della vita commerciale di Ostia e della Roma d'età imperiale.

L'intero progetto risale all'età di Augusto ed il Teatro, attribuito ad Agrippa, è un edificio molto antico interamente ricostruito alla fine del II secolo d.C. in mattoni e poi restaurato più volte.

La sua attuale capienza è di 2700 posti ed è perfettamente agibile, con l'orchestra, la cavea, i corridoi di servizio ed il portico con le tabernae alternate a scale per raggiungere le gradinate.

Il Teatro di Ostia Antica

Il Teatro di Ostia Antica

Il grande Foro delle Corporazioni, alle spalle del Teatro, in origine era costituito da una semplice struttura: un enorme piazzale di cui è rimasta ben conservata la pavimentazione a mosaico con un muro esterno ed un corridoio coperto. Fu solo in seguito, nell'età di Claudio che il luogo fu arricchito dal portico e rialzato da un secondo livello per accogliere le sedi dei collegia, le associazioni di mestiere che lì realizzavano i commerci.

Il tempio, al centro del piazzale, fu eretto su un podio in età domizianea, tra giardini e spazi liberi arricchiti da statue.

Le 3 Maschere rivolte verso il palcoscenico del Teatro

Le 3 Maschere rivolte verso il palcoscenico del Teatro

Fra le altre costruzioni interessanti da visitare ricordiamo anche le Terme del Nettuno con i bei mosaici a tema marino, la Basilica, la domus di Eros e Psiche, i collegia, il mitreo semi sotterraneo, una taverna ancora ben conservata con tanto di bancone e le insule, case affrescate visitabili però solo su prenotazione.

Inoltre all'interno dell'area si trova anche un Museo dove poter ammirare statue ed altri oggetti d'arte raccolti duranti le operazioni di scavo, una caffetteria dove potrete fare una pausa ed un bookshop dove acquistare guide, cartoline e gadget vari.

Le Rovine di Ostia Antica

Le Rovine di Ostia Antica

QUALCHE CURIOSITA' SU OSTIA

In pochi sanno che Ostia Antica è in assoluto la prima colonia romana oltre che la città romana più grande del mondo antico: vi basti pensare che solo il Decumano Massimo è lungo un chilometro e mezzo.

Guidando la macchina lungo la cosiddetta Via del Mare, l’arteria che collega Roma con il litorale laziale, non si può fare a meno di apprezzare le sue bellezze e rimanere assolutamente stupiti dalla sua vastità. Proprio proseguendo lungo questa strada, dopo un lunghissimo rettilineo, si arriva a quella che è la moderna città di Ostia. L'intero assetto urbanistico, i cui punti focali sono il molo e la rotonda non sono altro che una riproposizione degli elementi urbani della antica Ostia di oltre 2000 anni fa!

Infine vi ricordiamo che gli scavi di Ostia rimangono aperti anche tutte le prime domeniche del mese, giorno in cui l'ingresso alla visita è anche gratuito. Leggete adesso il box info in fondo alla pagina per scoprire tutti i dettagli su orari, prezzi e prenotazioni per organizzare al meglio la vostra visita. Buon viaggio!

Info utili

Parco Archeologico di Ostia Antica
 
Biglietteria: +39 06 56350215
Bookshop e Visite Guidate: +39 06 56352830
Caffetteria: +39 06 56350008

COME ARRIVARE

Mezzi pubblici:

- dal Porto di Civitavecchia: per raggiungere gli Scavi di Ostia Antica recatevi alla Stazione di Civitavecchia e salite sul primo treno in direzione Roma. Dopo circa un'ora di viaggio, scendete alla Stazione di Roma Ostiense e da qui prendete il primo treno della linea Ferroviaria Roma-Lido di Ostia, presso l’adiacente stazione di Porta San Paolo. Per raggiungerla basta seguire le indicazioni all'interno della stazione. Salite sul treno e scendete alla fermata Ostia Antica: 5 minuti a piedi e siete arrivati.
- dalla Stazione di Roma Termini: prendete la linea B della metropolitana e scendete Piramide. Qui raggiungete Porta San Paolo e prendete il primo treno della linea Roma-Lido fermata Ostia Antica.
- dall'Aeroporto di Fiumicino: una volta usciti dall'aeroporto, proseguire per Viale dell'Aeroporto di Fiumicino fino ad incrociare la Via del Mare e seguire le indicazioni per Ostia Antica.

ORARI
Orari di Entrata ed Uscita durante l'anno:
- dall'ultima domenica di ottobre al 15 febbraio: 8:30/15:30 - 16:30
- dal 16 febbraio al 15 marzo: 8:30/16:00 - 17:00
- dal 16 marzo all'ultimo sabato di marzo: 8:30/16:00 - 17:30
- dall'ultima domenica di marzo al 31 agosto: 8:30/18:15 - 19:15
- dal 1 al 30 settembre: 8:30/18:00 - 19:00
- dal 1 ottobre all'ultima domenica di ottobre: 8:30/17:30 - 18:30
 
Chiusura: ogni lunedì, 25 Dicembre, 1 Gennaio, 1 Maggio
PREZZI
Biglietto intero: € 10,00
Biglietto ridotto: € 6,00 (18-25 anni ed insegnanti)
Ingresso gratuito per: under 18 anni, giornalisti, gruppi scolastici; portatori di handicap; studenti e docenti di archeologia, storia dell'arte, architettura, conservazione e restauro beni culturali, archivisti bibliotecari, accademia delle belle arti, scienze della formazione, guide turistiche, interpreti turistici (tutti facenti parte della Comunità Europea) + membri ICOM + ICCROM.
 
*la prima domenica di ogni mese l'ingresso è gratuito per tutti.
Per maggiori informazioni e per prenotare la vostra visita online consultate il sito ufficiale.
Vota il contenuto: 
5
Media: 5 (2 votes)

condivisioni