"Finché esisterà il Colosseo, esisterà anche Roma; 
quando cadrà il Colosseo, cadrà anche Roma;
quando cadrà Roma, cadrà anche il mondo
"

Profezia di Beda l Venerabile, VIII secolo

 

Imperdibile, una delle sette meraviglie del mondo, Patrimonio dell'Unesco: secondo noi almeno una volta nella vita dovete andare a Roma e visitare l'Anfiteatro Flavio. Eh sì, perché in realtà il nome originale è Anfiteatro Flavio, il complesso fu infatti edificato in epoca Flavia. Nel corso dei secoli però, e più precisamente dal Medioevo, i romani cominciarono a chiamarlo Colosseo, sia per la presenza nelle vicinanze di una colossale statua in bronzo dedicata sia per le dimensioni colossali.

Il Colosseo, oggi

Il Colosseo, oggi

UN PO' DI NUMERI

2.000 anni di storia,
oltre 70.000 spettatori,
527 metri di perimetro,
una superficie interna di oltre 3.000 metri quadrati,
un'altezza di 48 metri
.
6.250.000 visitatori nel 2014 (il sito italiano più visitato)

La base dell’anfiteatro poggia su una piattaforma in travertino che lo eleva rispetto all'area circostante. Le fondazioni sono costituite da una grande platea in tufo di quasi 13 m di spessore, foderata all'esterno da un muro in laterizio.

IMPERDIBILE

Non potete e non dovete perdervi una visita al Colosseo: il più grande anfiteatro al mondo, il più famoso monumento di Roma e dell’Italia tanto da essere un vero simbolo all’estero, inserito dal 1980 nella lista dei Patrimoni dell'umanità dall'UNESCO (insieme a tutto il Centro storico, alle Zone extraterritoriali della Santa Sede in Italia e alla Basilica di San Paolo fuori le mura) e dal 2007 inserito tra le “nuove sette meraviglie del mondo” secondo un concorso indetto da New Open World Corporation.

IL COLOSSEO – COSA VEDERE E COME VISITARLO

Il Colosseo si trova in pieno centro a Roma, tra la zona del Celio e i vicinissimi Fori Imperiali e Piazza Venezia. E' facilmente raggiungibile con i mezzi, per tutte le info utili vi rimandiamo al box in fondo.
Ci sono due modi che vi consigliamo per visitare il Colosseo:

  • MODO ECONOMICO, passeggiandoci intorno, respirando l’aria imperiale e scattando le foto e i propri selfie da tutte le posizioni possibili, magari sorseggiandosi un drink su uno dei bar-ristoranti che lo costeggiano;
  • MODO CULTURALE, entrando dentro pagando un biglietto di ingresso che vi permetterà di visitare anche il complesso del Foro Romano e Palatino lungo i Fori Imperiali.

Il nostro consiglio è sempre quello di visitarlo pagando il biglietto, ma molto dipende anche dal tempo a disposizione. Diciamo che se state in modalità “mordi e fuggi” vi conviene ammirare la maestosità del Colosseo dall’esterno, soprattutto se non avete prenotato il vostro biglietto online...

Il Colosseo, veduta dall'interno

Il Colosseo, veduta dall'interno

IL COLOSSEO - STORIA

Le origini del Colosseo si fanno risalire al 72 d.C. quando Vespasiano iniziò la costruzione. L’opera fu finanziata principalmente con il bottino ottenuto dal saccheggio del tempio di Gerusalemme, avvenuto due anni prima. Nell’80 fu inaugurato dal Tito con 3 mesi di giochi. Divenne immediatamente simbolo della grandezza imperiale e fu utilizzato principalmente per eventi celebrativi e per lo svago e il divertimento del popolo che poteva assistere agli spettacoli dei gladiatori, alle rievocazioni di battaglie famose e a drammi basati sulla mitologia greca. Dal VI secolo cominciò ad andare in disuso ed essere utilizzato diversamente: area di sepoltura, castello, cava di materiali. Nel 1349 a seguito di un grande terremoto subì pesanti danni alla struttura. Divenne luogo sacro e infine chiesa consacrata a Cristo e ai martiri cristiani tra il XVII e il XVIII secolo. Durante questi secoli il Colosseo è stato abitato e i romani arrivarono anche a costruirci dentro! L'incuria unita ai forti terremoti mise in serio pericolo il Colosseo che subì diversi interventi tra il XVIII e il XIX secolo. Molto importante, e ancora oggi visibile, l'intervento di recupero che fece realizzare Giuseppe Valadier nel 1815 inserendo uno sperone in laterizio:

Lo

Lo "sperone" realizzato da Valadier per sostenere il Colosseo

Nel novecento, a seguito dei lavori per la costruzione dei fori imperiali, fu definitivamente distrutta la fontana Flavia. Nel 2007 il complesso del Colosseo è stato inserito tra le Sette meraviglie del mondo moderno.

IL COLOSSEO - I GIOCHI

Il Colosseo ha rappresentato per secoli lo svago e il divertimento del popolo romano. Le attività seguivano un programma ben preciso:

  • nella prima parte della giornata i combattimenti fra gli animali o fra un gladiatore e un animale,
  • dopo di che si eseguivano le condanne a morte 
  • la giornata culminava con i combattimenti fra gladiatori, il momento più atteso dagli spettatori.

C’era dunque tanta violenza e tanto sangue. Per darvi un’idea durante i giochi inaugurali ordinati da Tito morirono 2.000 gladiatori e 9.000 animali!

Una raffigurazione di un combattimento tra gladiatori

Una raffigurazione di un combattimento tra gladiatori

I gladiatori erano schiavi, prigionieri di guerra ma anche uomini liberi. Si poteva anche scegliere di diventare gladiatori
Avevano l’obbligo di entrare in una scuola di gladiatori e nella maggior parte dei casi rimandavano la loro pena di morte ma avevano anche la possibilità di riabilitarsi combattendo nell’arena e dimostrando coraggio e bravura con prestazioni che catturavano il consenso degli spettatori.

Info utili

Colosseo - Anfiteatro Flavio

COME ARRIVARE

Dal Porto di Civitavecchia dirigersi verso la Stazione ferroviaria di Civitavecchia e prendere il treno per Roma termini. Da lì Metro linea B fermata Colosseo.
Bus: 75, 81, 673, 175, 204

ORARI

L'ingresso al Colosseo è consentito dalle 8.30 fino all'imbrunire (16.30 a marzo fino alle 19.00 a settembre).

PREZZI

Ingresso intero € 12,00, ingresso ridotto € 7,50 più eventuali diritti di prevendita.
Il nostro consiglio è di prenotare online il biglietto per evitare lunghe file.

Vota il contenuto: 
5
Media: 4.4 (7 votes)

condivisioni