Ecco come visitare i luoghi di interesse più belli di Palemo e dintorni (anche a piedi) e cosa vedere avendo a disposizione uno, due o tre giorni: dalla Cappella Palatina alla Chiesa della Martorana, dalla Cattedrale al Palazzo dei Normanni, dalla Fontana Pretoria allo storico mercato Ballarò. 10 luoghi da vedere in uno, due o tre giorni!

Recentemente nominata Capitale Italiana della Cultura 2018, fondata tra il VII e il VI secolo dai Fenici, Palermo ha da sempre rappresentato un importante crocevia tra Occidente e Oriente: fenici, greci, romani, arabi, normanni, svevi, francesi e spagnoli: per molti secoli la storia di Palermo è stata segnata dalla dominazione di diverse culture e dall’incontro-scontro di popoli che l’hanno resa una città dai mille volti tutta da scoprire.

1. La Cattedrale di Palermo

Simbolo assoluto della città, la Cattedrale di Palermo dedicata a Maria Vergine dell’Assunta, con la sua straordinaria commistione di diversi stili architettonici, ben rappresenta la storia della Sicilia e delle sue dominazioni.

Inizialmente edificata come chiesa cristiana nel 600' e trasformata in moschea nell’800 dai saraceni la chiesa è stata infine riconvertita al culto cristiano nel 1100 ad opera dei Normanni.

La facciata principale compresa tra due torrette presenta un ampio portico quattrocentesco in stile gotico catalano, la cupola è tardo barocca mentre la parte più antica è rappresentata dall’abside con splendide decorazioni arabo normanne.

La Cattedrale di Palermo

La Cattedrale di Palermo

L’interno suddiviso in tre navate è in stile neoclassico, ricostruito su progetto di Ferdinando Fuga nel XIX secolo. Qui sono custodite le spoglie dei reali di Sicilia, tra cui Federico II e Ruggero II, e quelle di Santa Rosalia, patrona cittadina.

Da non perdere anche una visita alle Stanze del Tesoro, dove potrete ammirare la tiara d’oro della Regina Costanza d’Aragona, insieme ad altri oggetti preziosi rinvenuti nei sepolcri reali.

2. La Chiesa della Martorana

In Piazza Bellini, si trova la Chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio anche detta San Nicolò dei Greci, ma da tutti conosciuta come Chiesa della Martorana, considerata tra le più belle chiese bizantine d’Italia.

L'edificio, conserva ancora l'originale stile arabo-normanno, con il corpo squadrato sormontato da una cupola emisferica ed il campanile aperto da arcate e tre ordini di grandi bifore.

Una volta varcata la soglia d'ingresso sarete rapiti dalla ricchezza degli affreschi, dai mosaici e dalla complessità dei decori, con al centro l'immagine del Cristo Pantocratore circondato da arcangeli, apostoli, santi e profeti. Le altre scene rappresentate la Natività, il Transito di Maria, l’Annunciazione e la Presentazione al Tempio.

Gli splendidi mosaici della Chiesa della Martorana - Palermo

Gli splendidi mosaici della Chiesa della Martorana - Palermo

3. Il Palazzo dei Normanni (Palazzo Reale) e la Cappella Palatina

Conosciuto anche come Palazzo Reale, il Palazzo dei Normanni è la residenza reale più antica d'Europa: oggi è sede dell’Assemblea Regionale di Sicilia oltreché uno dei monumenti più amati della città.

Le uniche due torri sopravvissute fino a noi sono la Torre Pisana e la Torre della Gioaria, entrambe opera dei Normanni. Inoltre è possibile visitare la Sala Rossa, la Sala Gialla, la Sala Verde, la Sala di Ercole (sede dell'Assemblea regionale) e la Stanza di Re Ruggero.

Al primo piano del palazzo si trova la splendida Cappella Palatina, gioiello di arte bizantina, dedicata a San Pietro Apostolo. Si tratta di una basilica a tre navate decorata con splendidi mosaici bizantini, considerati tra i più belli di tutta la Sicilia, e con un meraviglioso soffitto ligneo a stalattiti nel quale spicca l'immagine del Cristo Pantocreatore raffigurato nell'atto di benedire.

Una visita emozionante che non potete assolutamente perdere durante il vostro soggiorno a Palermo!

Il Palazzo dei Normanni (Palazzo Reale) - Palermo

Il Palazzo dei Normanni (Palazzo Reale) - Palermo

La Cappella Palatina - Palermo

La Cappella Palatina - Palermo

4. Le stanze al Genio

Che siate o meno amanti delle ceramiche, vi consigliamo vivamente la visita di una singolare casa-museo, unica in tutto il mondo: le Stanze al Genio.

Le stanze al Genio - Palermo

Le stanze al Genio - Palermo

Situato in Via Giuseppe Garibaldi, all’interno del bellissimo palazzo storico di Torre Piraino, il piccolo museo contiene ben 2300 pezzi di antiche maioliche siciliane e napoletane.

La straordinaria collezione si articola in 4 splendide sale: ingresso, sala della cucina, sala dei fiori e sala neoclassica seguendo un percorso basato sull'epoca e sulla provenienza geografica.

Forse il prezzo d'ingresso non sarà molto economico (€7) ma vi assicuriamo che il colpo d'occhio vi resterà impresso per sempre!

5. La Palazzina Cinese

La Palazzina Cinese, anche detta Casina Cinese, è un'antica dimora reale dei Borbone di Napoli, situata accanto al Parco della Favorita, ai confini della Riserva di Monte Pellegrino.

L'edificio è stato realizzato da Giuseppe Venanzio Marvuglia a partire dal 1799 su commissione di Ferdinando IV di Borbone che aveva acquistato una casa in stile cinese dal barone Benedetto Lombardo, insieme a terreni confinanti ad alcuni locali.

L’aspetto e gli arredi orientaleggianti, insieme agli ampi giardini curati, la rendono davvero unica nel suo genere. All'interno si possono ammirare bellissimi affreschi e molti altri dettagli che ornano le pareti delle stanze ciascuna diversa per stile.

La Palazzina Cinese - Palermo

La Palazzina Cinese - Palermo

6. La Fontana Pretoria

Chiamata anche Fontana della Vergogna per le sue statue nude, la Fontana Pretoria è uno dei simboli di Palermo ed una delle più belle fontane d'Italia.

Costruita a Firenze da Francesco Camillani, per volere del nobile spagnolo Don Luigi Toledo, la fontana fu rivenduta al senato palermitano dal figlio caduto in disgrazia.

Smontata in 644 pezzi, fu trasportata per mare fino a Palermo e per farle posto furono anche abbattuti alcuni edifici di Piazza Pretoria. Purtroppo durante le operazioni di trasporto alcune statue vennero danneggiate richiedendo successivi interventi di restauro.

Al centro un puttino, soprannominato il Genio di Palermo versa acqua, mentre intorno le altre statue rappresentano figure mitologiche: Venere, Adone, Ercole, Bacco, Apollo, Diana e Pomona insieme all'incarnazione allegorica dei 4 fiumi di Palermo ovvero l’Oreto, il Papireto, il Gabriele e il Maredolce.

La Fontana Pretoria - Palermo

La Fontana Pretoria - Palermo

7. Ballarò e gli altri mercati di Palermo

Per una visita di tutto rispetto non potete fare a meno di esplorare i mercati rionali di Palermo ed in particolar modo Ballarò.

Immergetevi nei colori, nei sapori e negli odori e lasciatevi contagiare dall'atmosfera autentica della città! Ballarò si trova nei pressi della stazione centrale, mentre il mercato di Vucciria è ubicato vicino la Chiesa della Martorana.

Arancine e panelle, sfinciuni e cicireddu e molte altre specialità: tra le innumerevoli bancarelle dei mercati troverete il meglio dello street food siciliano e tavole calde pronte ad accogliervi: buon appetito!

Mercato di Ballarò - Palermo

Mercato di Ballarò - Palermo

8. La spiaggia di Mondello

Dopo tutto questo mangiare, non c'è niente di meglio che godersi un po' di meritato relax! Eccovi allora la spiaggia di Mondello che con la sua acqua limpida e la sabbia bianca ricorda i Caraibi.

La spiaggia è molto frequentata, specialmente nei mesi più caldi ma si trasforma in un vero e proprio paradiso a maggio o giugno. Tutto intorno gli edifici in stile liberty, i bar e ristoranti contribuiscono a rendere unica l'atmosfera di questo luogo: un must assoluto per tutti gli amanti del sole e del mare.

La spiaggia di Mondello - Palermo

La spiaggia di Mondello - Palermo

9. Il Teatro Massimo

"L'Arte rinnova i popoli e ne rivela la vita. Vano delle scene il diletto ove non miri a preparar l’avvenire": è questa la frase che si legge sul frontone del maestoso Teatro Massimo di Palermo, uno dei gioielli più rappresentativi della città.

Imponente, elegante e dal grande fascino, il Teatro Massimo è l’edificio teatrale lirico più grande d’Italia e terzo in Europa, dopo l’Opera di Parigi e la Staatsoper di Vienna.

Anche se non assisterete ad uno degli spettacoli in programma vi consigliamo comunque di acquistare la visita guidata (€8) durante la quale scoprirete la storia dell'edificio che si deve alla maestria dell'architetto Giovan Battista Filippo Basile e del figlio che alla sua morte ne completa la costruzione.

I due gruppi bronzei con i leoni ai lati della scalinata che rappresentano rispettivamente la Tragedia e la Lirica, sono invece opera di Mario Rutelli.

Il Teatro Massimo - Palermo

Il Teatro Massimo - Palermo

10. Il Duomo di Monreale

Per l'ultima tappa di questa breve Top 10 su Palermo, vi chiediamo di spostarvi di appena 8 chilometri e raggiungere la cittadina di Monreale, con il suo famosissimo Duomo.

Ogni anno, milioni di turisti e pellegrini, raggiungono questo luogo sacro, uno degli esempi più belli d'arte bizantina italiana. Realizzato tra il 1154 e il 1189 per volere del re normanno Guglielmo II d'Altavilla il Duomo è dedicato in onore alla Vergine Maria. Si racconta, infatti che la Vergine, apparsa in sogno a Guglielmo II abbia indicato il luogo in cui era nascosto un grande tesoro. Come ringraziamento il re costruì così un tempio in suo onore.

Oltre le due torri, l’imponente facciata ospita anche delle porte in bronzo di grande valore, una delle quali del 1185 è opera di Bonanno Pisano. Il portico sul lato sinistro è realizzato tra il 1547 e il 1569 da Giovanni Domenico Gagini e Fazio Gagini; l’altare maggiore è opera di Luigi Valadier e l’organo del XX secolo è un’opera dei Fratelli Ruffati di Padova.

Oltre a questo, l’interno della Chiesa nasconde molti altri numerosi tesori tutti da scoprire come il bellissimo chiostro romanico del XII secolo.

Il Duomo di Monreale

Il Duomo di Monreale

Eccoci infine giunti al termine di questo lungo viaggio che ci ha portato a scoprire un po' di quella straordinaria magia che si respira solo a Palermo. Colori, sapori e sensazioni uniche che siamo sicuri vi porterete sempre con voi.

Allora costa state aspettando? Preparate le valigie che si parte! Ogni venerdì, infatti, vi ricordiamo che dal Porto di Civitavecchia, la Splendid di Grandi Navi Veloci (GNV) è pronta a salpare per raggiungere il capoluogo siciliano...mancate soltanto voi.

> CIVITAVECCHIA - PALERMO: ORARI TRAGHETTI 2016

Info utili

10 COSE DA VEDERE A PALERMO

COME ARRIVARE

Ogni venerdì dal porto di Civitavecchia è possibile raggiungere Palermo grazie ai traghetti GNV. Per consultare gli orari di partenza e conoscere altre info utili cliccare qui.

Vota il contenuto: 
5
Media: 5 (2 votes)

condivisioni